Brn Mnr 1907-1998
Cosa ha fatto
Dove ha esposto
Cosa ha scritto
Grafo della poetica
Bibliografia
Documenti
Critica
Rassegna Stampa
Film
Lezioni
Chi siamo e perché
 
 
 
Banner credits
 
Nel banner particolari di: Xeroritratto di Bruno Munari; Munari 1966, fotografie di Ada Ardessi, Biennale di Venezia courtesy ISISUF Milano; Munari 1950, fotografia di Federico Patellani; Munari con Macchina Inutile 1956, fotografia di Aldo Ballo
 
 
Database
 
458 documents
available now!
 
 
Recent Entries
 

B. Munari, Manifesto dei multipli, Centro operativo Sincron, Brescia, 1968

B. Munari, Manifesto dei multipli, Centro operativo Sincron, Brescia, 1970

B. Munari, Guerra e Pace - Si cammina così - Sentirò la mia voce al telefono, in Humor nel mondo n°1, Giugno 1949

G. Kosice, Las búsquedas experimentales de Munari, in Geocultura de la Europa de hoy Ediciones Losange, Buenos Aires, 1959 (espanol)

B. Munari, Tanti saluti con fantasia, in Stampa Alternativa Roma 1987

R. Carrieri, Munari illusionista degli spazi, in Natura nov-dic 1932

B. Munari, L'Abecedario di Munari, Stile Robinson, Una casa a Fiumetto in Stile n. 30 Giugno 1943 Garzanti Editore

Marylin McCray, Catalogue Electroworks (excerpts), International Museum of Photography & Film, George Eastman House Publisher, Rochester N.Y., 1979

B. Munari, La grafica tridimensionale di Max Huber, in Design n. 4, Bergamo 1975

Bollettino del MAC N.1 - Oggetti Trovati

B. Munari, Belle e Brutte, in L'Automobile - marzo 1967

B. Munari, Surrealismo. E’ un film di Grandi Firme, in Le Grandi Firme - giugno 1938

B. Munari, Diagramma, in Orpheus - dicembre 1932

M. Datini jr., Notizie delle arti, in Le Arti luglio -agosto 1970

B. Munari, Dall'individualismo al collettivismo, in Arte Centro Milano, aprile - giugno 1975

Gruppo Q, Munari. Spazio Abitabile, Stampa Alternativa, Roma, 1999

C. L. Ragghianti, in Catalogo della mostra Ricerche visive, strutture e design di Bruno Munari La Strozzina, Palazzo Strozzi, Firenze, 1962

Bruno Munari, Astratto e concreto, in Catalogo della mostra Arte concreta, 9-24 aprile 1983, Palazzo del Ridotto Cesena, Ed. Industria Litografica SILA, Cesena 1983

M. Perazzi, Questo è il mio segreto, non mi arrabbio mai, in La Domenica del Corriere 26 marzo 1983, n.13 anno 1985

A. Segàla, Bruno Munari, in Epoca 28 novembre 1986, Milano, pp. 88-92

A. Linke, Bruno Munari: le regole del genio, in Frigidaire 1987

A. Nosari, Ansia di velocità, in L'Ala d'Italia 1 ottobre, 1938


 
Personali

 


1933 [dicembre] Galleria delle 3 Arti, Milano
Mostra dei giovani futuristi. Munari espone per la prima volta le macchine inutili.

1940 [marzo] Oggetti metafisici, Galleria del Milione, Milano
Munari espone: Orologio in primavera, Infanzia di William Beebe, L'isola misteriosa, Monumento a Euclide, Cavalli attraverso la pittura, Fiume d'estate, Metamorfosi di un ventaglio a Menaggio, Addìo, Messaggio in una bottiglia.
Leggi la presentazione di Salvatore Quasimodo.

1944 Dipinti Astratti, Galleria Ciliberti, Milano

1946 Dipinti Astratti, Galleria Bergamini, Milano

1948 [marzo] Galleria Borromini, Milano
Munari espone Macchine inutili, Concavo-convesso e dipinti astratti.
[...] ciascuna ha una sua speciale personalità, un giorno sono vivaci e agitatissime, e il giorno dopo cadono in un incomprensibile letargo [...] Una volta lasciate a se stesse, le macchine inutili si sottraggono al controllo umano acquistando una esistenza autonoma [...]
[Dino Buzzati, 1948]
Scarica il catalogo

1948 [dicembre] Negozio di Fede Cheti, Milano
Mostra di regali per Natale tra cui sei nuove macchine inutili, fotomontaggi e collage ed altri oggetti.
Scarica l'invito

1948 Giocattoli d'artista, Galleria dell'Annunciata, Milano
Una mostra collettiva di giocattoli d'artista in occasione del Natale organizzata da Bruno Munari che presenta libri e macchine inutili.

1949 [5 marzo] Macchine inutili e pitture, Libreria Salto, Milano
La libreria Salto di via Santo Spirito 14 Milano, specializzata in libri d'arte (qui era possibile trovare i volumi della Bauhaus), offre al MAC, diventandone la sede principale, una saletta per una serie di mostre sotto la direzione di Gianni Monnet. Presentazione di Gillo Dorfles, durata della mostra: 15 giorni. Le prime macchine inutili sono dei primi anni '30.

1949 [10 dicembre] I plastici aerei di Munari, Mostra con F. Bianconi, Galleria del Cavallino, Venezia

1949 Giocattoli d'artista, Galleria dell'Annunciata, Milano
Una seconda mostra collettiva di giocattoli d'artista in occasione del Natale organizzata da Bruno Munari.

1950 [11 febbraio] Libri illeggibili, Libreria Salto, Milano
Vengono presentati i Libri Illeggibili (libri senza parole che raccontano storie visive attraverso linee, colori, fogli strappati e fogli trasparenti, fili di cotone o altri inserti) che nascono come pezzi unici o riprodotti in piccole tirature. Tra i libri in visione si distinguono: Primo Libro, 1949; Punto bianco; Giallo nero bianco si e no; Giallo blu rosso contro grigio e nero; Due in uno; Triste storia con qualche momento allegro.
I primi libri vengono realizzati in esemplari unici, il primo ad essere realizzato a mano in venti copie simili è il numero 12 del 1951. Successivamente vengono realizzare edizioni in tiratura limitata, le più famose sono: Libro bianco e rosso del 1953 di Steendrukkerij de Jong; Libro bianco e nero del 1965 dei Grandi Magazzini Isetan di Tokyo; Libro Illeggibile N.Y. N.1 del 1967 per il Moma di New York.
Questi libri illeggibili sono i primi di un nuovo linguaggio che ha strette parentele con il cinema e la musica e, credo, potranno diventare un giorno un genere, così come a fianco della scultura, le macchine inutili. [...] In questi libri illeggibili che Munari ha ideato, non esistono parole ma solo immagini concrete e i personaggi appaiono immediatamente e lottano e giocano tra loro, trasmettendoci una serie di inequivocabili sensazioni.
[Alberto Mondadori, 1950]

1951 [11-24 gennaio] Centro di Studi Grafici, Milano
Guarda l'invito

1951 [novembre] Oggetti trovati, Saletta dell'Elicottero, Bar dell'Annunciata, Milano
Il bar-galleria di via dell'Annunciata, angolo via Fatebenefratelli, progettato da Franco Albini diventa una sede per le mostre del MAC. Munari espone una collezione di oggetti trovati tra cui si ricordano le opere: brandelli di manifesti trovati in Rue Monsieur le Prince, a Parigi, sopra una staccionata di legno, un poco scoloriti dalla pioggia, che anticipa di alcuni anni i primi manifesti strappati del 1955 di Rotella, e rete metallica modellata da una bomba, corrosa dalle intemperie; presentazione di E. N. Rogers il cui ottimo testo Trovare è la conseguenza di cercare viene pubblicato sul bollettino Arte Concreta N.1 assieme alla descrizione degli oggetti scelti da Munari.
Trovare è la conseguenza di cercare. Si dice: chi cerca trova, ma è vero solo per poco. E' vero per coloro che quando cercano qualcosa di fuori ne hanno già una parte dentro di loro. Questo trovare è un ricreare o, almeno, uno scoprire e un confessarsi.
[dalla presentazione]
Nella Saletta dell'Elicottero si inaugura la mostra della Collezione Oggetti Trovati di Munari, che comprende un frammento di albero, un sasso... ecc. Bravo Munari! E così tu e il MAC sotto sotto volete ridurci a critici della spazzatura, eh?...
[Leonardo Borgese, 1951]
Consulta l'elenco pubblicato sul Bollettino del MAC N.1

1952 [15-28 marzo] Quadri quadrati plastici e nuove macchine inutili, Galleria Bergamini, Milano
Prima mostra personale di Negativi-positivi (il primo negativo-positivo è stato esposto al Salon des Realites Nouvelles di Parigi nel giugno 1951, riprodotto sul catalogo con una breve spiegazione a cura dell'artista). Testo di Franco Passoni pubblicato su Arte Concreta 5.
Con i negativi-positivi Munari lascia libero lo spettatore di scegliere la forma in primo piano da quella di sfondo.
Nei negativi-positivi l'autore cerca di creare anche un interesse estetico dato da sproporzioni quantitative di spazio e colore
[Bruno Munari]

1952 XXVI Biennale di Venezia
Munari presenta una fontana di nuovo genere.

1952 o 1953 L'arte e il caso, Saletta dell'Elicottero, Bar dell'Annunciata, Milano
Vengono esposti prodotti ed oggetti usurati come: fogli utilizzati dai tipografi per il registro dei colori, divenuti per le continue sovrapposizioni di stampa simili a dipinti astratti; teli con macchie di muffa, ruggine o sporco, simili a composizioni pittoriche; manifesti lacerati, spiegazzati, affini alle opere informali.
[Bruno Grossetti, Il mercante dell’Annunciata. Confessioni e memorie, Mazzotta, 1988]

1953 [ottobre] Prime proiezioni dirette, Milano (Studio B24)
Dal febbraio 1953 inizia una collaborazione tra il MAC e lo Studio di Architettura B24 di via Borgonuovo, 24 (Milano) che rende disponibile una sala per le mostre. Munari espone composizioni fatte con la luce, con materiali vari trasparenti semitrasparenti quadri violentemente colorati o a colori delicatissimi, con materie plastiche tagliate strappate bruciate graffiate liquefatte incise polverizzate, con tessuti animali e vegetali con fibre artificiali con soluzioni chimiche e con la collaborazione del figlio. Munari inoltre precisa che non sono fotografie a colori ma proiezioni di materie.
[...] il vivere moderno ci ha dato la musica in dischi, ora ci da la pittura proiettata
[Domus, febbraio 1954]
Data la grande affluenza di pubblico sono state poi ripetute in dicembre nel grande Studio Ponti Fornaroli Rosselli.

1953 Libri illeggibili e collage, Italian Book and Craft, New York
Munari realizza, per la libreria diretta da Fabio Coen, il Libro Illeggibile n.20 in 11 copie fatte a mano. La copia n.8 è nella collezione del Toledo Museum of Art (USA).

1953 [giugno-ottobre] Disegni e libri illustrati per bambini, New York Public Library

1953 [dicembre] Mostra dei giocattoli inventati dai ragazzi, a cura di Bruno Munari, Aldo Buongiovanni, Alberto Noè, Studio B24, Milano
Munari presenta una mostra di giocattoli.
Sono state fatte molte, forse troppe, mostre di disegni e pitture infantili, ma non era ancora stata fatta una mostra di giocattoli inventati e fabbricati dai ragazzi. Esponiamo questi oggetti costruiti con mezzi di fortuna allo scopo di dimostrare ciò che il ragazzo effettivamente vuole per i suoi giochi. Pensiamo che questa mostra, oltre a costituire una curiosità ed a rappresentare un interesse per chi si occupa nei vari campi dei problemi del fanciullo, abbia la virtù di introdurci nelle dolci fantasie di quel mondo infantile gioioso, attivo e disinteressato, dal quale molti di noi sono così lontani.
[presentazione pubblicata sul Bollettino N.18 del MAC]

1954 Proiezioni dirette, Museum of Modern Art, New York*

1954 Proiezioni dirette, Studio Leo Lionni, New York

1955 [maggio] Proiezioni dirette, Galleria del Fiore, Milano
La Galleria del Fiore di via Fiori Chiari (Milano) diventa una delle sedi espositive del MAC.
Bruno Munari proietterà le sue recenti composizioni a colori fissi a colori variabili come il giorno e la notte a due fuochi a fuoco continuo.
[dal pieghevole di presentazione della mostra]

1955 [maggio] Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma
Munari presenta nuove Proiezioni dirette.

1955 [maggio] Proiezioni dirette, Galleria Numero, Firenze

1955 [19 ottobre] Two grapich designers: Bruno Munari and Alvin Lustig, Museum of Modern Art, New York
Munari presenta libri illeggibili, un modello di fontana per Venezia, e le Proiezioni dirette.
Leggi l'elenco delle opere esposte.

1955 [3 novembre] Negativi-positivi, Galleria Apollinaire, Milano
In relazione a questa mostra in Documenti d'arte d'oggi 1955/56 (Salto Editore) viene pubblicata una rettifica, inviata per la pubblicazione anche alla rivista parigina Aujourd'hui, relativamente al foglio di presentazione della mostra Le Mouvement organizzata presso la Galleria Denise Rene (aprile 1955, Parigi) in cui Vasarely fa proprie diverse affermazioni teoriche di Bruno Munari.

1955 [11 novembre] Nella Notte Buia, Galleria Montenapoleone, Milano
Presentazione del libro pubblicato da Muggiani.
"Bruno Munari e Pino Muggiani / il primo l'autore e il secondo l'editore / di un nuovo libro per bambini / Vi invitano / alla Galleria Montenapoleone 6a / il giorno undici novembre 1955 / alle ore 18
Vedrete così, per primi / il nuovo libro che si intitola: / Nella notte buia / stampato su vari tipi di carte / con pochissimo testo / e moltissime illustrazioni.
Un libro che comincia dalla copertina / ed ha un primo capitolo tutto nero / dal quale però, attraverso un forellino, / si vede il secondo capitolo tutto trasparente / e in fine un terzo capitolo / con tutte le pagine strappate / pieno di sorprese.
Come avrete capito / il nuovo libro è nato dall'esperienza / dei famosi Libri Illeggibili / di cui ecc. ecc...
Per l'occasione / Munari espone anche dei collages / per decorare le camere dei bambini sensibili /fatti con elementi del libro / di cui si parla alla riga dieci / e qualcosa in più
"
[dall'invito]

1956 Ricostruzioni teoriche di oggetti immaginari, Saletta dell'arte, Libreria S. Babila, Milano
Munari presenta per la prima volta questo ciclo di opere, anche se va ricordato che la prima opera di questo tipo risale al 1955.
Cominciai scherzando nel 1955 a Panarea dove, assieme a mio figlio, inventai un Museo Immaginario delle Isole Eolie. Munari ironizza sul proprio approccio storico-ricostruttivo proponendo nuove invenzioni grafico-visive. Un archeologo ha trovato un osso di un animale antidiluviano sconosciuto. Da quell'osso ha cercato di ricostruire l'animale. Io ho trovato frammenti di residui, di uso incerto e di origine dubbia e ho cercato di ricostruire la cosa secondo un metodo casuale applicando regole aleatorie
[Bruno Munari]

1956 Prime proiezioni a luce polarizzata, Milano (Galleria B24), Tokyo, New York, Stoccolma, Roma, Anversa, Zurigo, Amsterdam
Sono una conseguenza delle proiezioni dirette. Munari trova la tecnica per la luce polarizzata.
I colori della composizione cambiano per tutto l'arco cromatico fino ai rispettivi complementari. Questo effetto si ottiene mediante la rotazione del filtro polarizzante. Inoltre, i colori di queste composizioni, sono colori puri, ricavati dalla scomposizione della luce che li contiene.
[Bruno Munari]

1957 [gennaio] Proiezioni dirette, Galleria Christofle, Parigi

1958 [febbraio] Le cose serie di Bruno Munari, Milano
Studio di Architettura di M. Brunati, S. Mendini, F. Villa.

1958 [giugno] Sculture da viaggio, Galleria Montenapoleone, Milano
Vengono presentate le sculture da viaggio, nascono come pezzi unici o in piccole tirature e sono in cartonicono colorato.
Durante gli anni successivi vengono realizzate con materiali diversi come legno, alluminio, ferro, metallo prezioso, acciaio corten. Nate come oggetto da portare in valigia si sono trasformate in sculture anche di grandi volumi. L'edizione più famosa è quella fatta per la valigeria Valaguzza (Milano) come omaggio pubblicitario in 1500 esemplari. Ricordano in parte gli origami ma ammettono i tagli non consentiti dal metodo giapponese
Queste sculture da viaggio hanno la funzione di creare in una anonima stanza d'albergo o in un ambiente dove si è ospitati un punto di riferimento dove l'occhio trova un legame con il mondo della propria cultura.
Esse fanno parte, assieme alla pittura da proiettare a luce polarizzata, di un nuovo modo dell'arte, che meglio si adatta alla vita d'oggi

[Bruno Munari, dal pieghevole di presentazione della mostra]

1958 [settembre] Oggetti trovati, Galleria Danese, Milano

1958 Proiezioni dirette, Museo d'arte moderna, Stoccolma

1959 I fossili del duemila, Galleria Danese, Milano
Vengono presentati al pubblico per la prima volta. Munari ci fa sorridere della veloce obsolescenza della tecnologia senza rinunciare alla cura della composizione formale.
Nel duemila troveranno, immersi nel perspex trasparente, interni di valvole radio ormai obsolete, come gli insetti nell'ambra.
[Bruno Munari]

1960 Proiezioni a luce polarizzata, The National Museum of Modern Art, Tokyo
Con musica di Toru Takemitsu

1960 Bruno Munari, Centruum voor hedendaagse Kunstuitingen, Antwerpen
Presentazione di Carlo Belloli e M. Callewaert

1960 Mostra del quadrato, Galleria Danese, Milano

1961 Fiera Campionaria di Milano
Munari realizza due fontane per la Montecatini.
La più grande ha un diametro di 4 metri e 4 dischi rotanti azionati da motori, da un getto d'acqua e dal vento; ciascuno disco ha lastre di vari colori in movimento.

1961 Strutture continue, Galleria Danese, Milano
Viene presentato il multiplo struttura continua: un elemento base composto con quattro quadrati messi in fila e poi piegato ad angolo retto con la possibilità di attacco ai propri simili, studiato per programmare forme continue [...] l'insieme dei moduli può essere considerato come un particolare di un infinito modulato riconoscibile dalla forma base del modulo ma non prevedibile come forma finale.
Le strutture continue di Munari aiutano a leggere le forme continue di vario tipo che troviamo in natura.

1961 Proiezioni a luce polarizzata, Teatro Ruzante, Padova
Evento organizzato con la collaborazione del gruppo enne e dal Centro Cinematografico Universitario.

1962 Ricerche visive, strutture e design di Bruno Munari, La Strozzina, Palazzo Strozzi, Firenze
In catalogo uno scritto di Carlo Ludovico Ragghianti.

1963 Multiplo Ora X, Galleria Danese, Milano
Viene presentato il primo oggetto o multiplo (in 50 esemplari) di arte cinetica programmata nella storia dell'arte. Il manifesto teorico dei multipli viene redatto per la Galleria Sincron nel 1968. Di questa opera in serie esiste una prima versione prototipale del 1945.
Lo progettai come multiplo utilizzando un movimento a molla di sveglia. Al posto dell lancette, due semidischi, uno rosso, uno giallo, trasparenti, si muovevano sul quadrante e formavano altre combinazioni di colori sovrapponendosi al semidisco rosso dei secondi. Non vedevo l'ora di farne un multiplo. Lo fece poi Danese nel 1963.
[Bruno Munari]

1964 Galleria Objet, Zurigo

1965 Tetracono, Galleria Danese, Milano

1965 Primi esperimenti con la Rank Xerox, Milano, Tokio, Vienna, Stoccolma, New York, Roma, Basilea
Le prime xerografie originali sono del 1963. Quando si fa una fotocopia bisogna stare ben attenti a non muovere l'immagine, Munari usa la fotocopiatrice mettendo in movimento motociclette, allungando visi, inserendo materiali trasparenti, retini, texture, ottenendo immagini uniche, irripetibili (Xerografie Originali appunto), sperimentando con la complicità della aleatorietà dei movimenti di chi opera sulla macchina. Ogni xerografia originale non è riproducibile perchè per riprodurla bisognerebbe rifare il procedimento creativo. Molte opere sono nella collezione del Moma di New York.
Con uno strumento nuovo, fatto per riprodurre immagini, si possono invece produrre immagini originali.

1965 Bruno Munari, Isetan, Tokyo
Presentazione di S. Takiguchi. Per l'occasione Munari progetta il Libro illeggibile bianco e nero e una suggestiva fontana a 5 gocce d'acqua che creano un gioco di cerchi di onde intersecanti dentro uno specchio d'acqua calma e dove i minimi rumori sono amplificati da microfoni posti sotto il livello dell'acqua.

1966 Sala personale alla XXXIII Biennale di Venezia
Altrettanto "artista" appare un altro "anti-artista", che invece continua ad essere l'inventore di oggetti ed eventi che, nella loro molteplicità e varietà, non possiamo che considerare altamente estetici: Bruno Munari. La mirabile, fantasmagorica, monastica, ma al tempo stesso ultra-tecnologica, sala di Munari è una lezione di semplicità, purezza e anche di sapienza compositiva di fronte alle altre sale assiepate di opere, sovraccariche di "oggetti appesi alle pareti".
Munari ci ha dato un ambiente dove finalmente si può sostare in pace godendo del gioco semplice ma continuamente variato dei suoi quattro polariscop, ossia di quattro contenitori [...] che attraverso la scomposizione della luce polarizzata assumono forme e colori sempre diversi.
[...]
Munari, dunque - questo inventore di "libri illeggibili", di mobiles, di "macchine inutili", di "negativi-positivi", in un'epoca in cui ancora la pittura si affinava a imbrattare le tele di colori ottocenteschi o espressionisti, ci dà una prova tangibile di quanto più sopra affermavo, e cioè di come sia ormai tempo di bandire il concetto di pittura e scultura considerate oggetti unici ed irrepitibili, e di come nella nostra epoca l'artista debba creare per la fruizione di tutti o di molti, e non più per quella di pochi eletti.

[Gillo Dorfles, in Una estrema celebrazione per l'arte cinetica, Art International n.7 settembre 1966 (oggi in G. Dorfles, Inviato alla Biennale, Libri Scheiwiller, 2010]
Leggi un estratto dal Catalogo

1966 [20 settembre - 8 ottobre] Howard Wise Gallery, New York
In mostra Polariscop, Concavo-convesso, Tetracono, Ora X, Strutture continue, Acona-Biconbi, Sfere doppie e 50 disegni sulle Variazioni sul viso.
All'inaugurazione Munari utilizza una macchina Xerox 914 per dimostrare come è possibile realizzare originali usando una macchina fotocopiatrice (xerografie originali).
Leggi il pieghevole

1966 [4 - 15 ottobre] Design Research, New York
Mostra di oggetti in metallo e plastica.

1966 Libro illeggibile trasparente. Omaggio a Munari, Galleria dell'Obelisco, Roma
Munari presenta un libro illeggibile. Catalogo con testo di F. Menna

1966 [dicembre] Xerografie originali, Polariscop, Oggetti di design, Galleria Modern Art, Napoli

1967 Xerografie Originali, Galleria Danese, Milano

1967 Opere in serie dal 1958 ad oggi, Galleria Vismara, Milano

1967 Galleria Ariete, Milano (*)

1968 Idee di nuove funzioni, Kunstwerbeschule, Basilea

1968 Serendipity 54, Roma

1968 [aprile] Xerografie Originali, Galleria La Colonna, Como
Presentazione di L. Caramel con uno scritto di Bruno Munari

1968 Flexy, Galleria Danese, Milano
L'undici gennaio nasce Flexy, il cui vero nome è modulo flessibile (Gerolamo Cardano è forse un suo lontano congiunto), l'anima d'acciaio di Bruno Munari. Multiplo a tiratura illimitata, modulo flessibile in acciaio per sperimentazioni topologiche. Adatto a bambini ed adulti.
Oggetto flessibile, costruito con sei fili di acciaio inossidabile, per disegnare immediatamente nello spazio a due o tre dimensioni, forme e strutture modificabili a piacere
[dal foglietto illustrativo presente nella confezione]

1968 [novembre] Galleria Sincron, Brescia

1968 Galleria l'Incontro, Ostiglia

1968 Galleria Cadaques, Cadaques

1968 Galleria A, Parma

1968 [dicembre] Bruno Munari. Nella nebbia di Milano, Milano Libri, Milano

1969 Studio Farnese, Roma

1969 Design in metal and plastic, Design Research, New York

1969 [settembre] Campo urbano. Interventi estetici nella dimensione collettiva urbana, Como

1970 [novembre] Ricostruzioni teoriche di oggetti immaginari, Galleria Sincron, Brescia

1970 [marzo] Galleria Caprotti, Monza

1970 [maggio] Studio 2B, Bergamo

1970 Abitacolo, Galleria Annunciata, Milano

1970 Analisi del vedere, Sale XV e XXX Biennale di Venezia
Munari presenta Proiezioni dirette 1953 con materie plastiche diverse e Proiezioni a luce polarizzata 1955 con filtro polaroid.

1970 Ricerche visive e design, Kunstlerhaus, Graz (Austria)

1970 Studio UXA, Novara

1970 [ottobre] Negozio Danese, Milano
Negativi-positivi 1951-1970

1970 [ottobre] Negozio Danese, Milano
Presenza degli antenati

1971 [maggio] Salone dell'Annunciata, Milano

1971 [ottobre] Galleria San Fedele, Milano
Grande mostra storica. Catalogo con presentazione di P. Fossati

1971 Arte Italiana, Istituto Italiano di Cultura, Montevideo

1972 Abbazia Vangadizza, Badia Polesine
Grande mostra storica. Nel paese della sua infanzia Bruno Munari viene nominato "cittadino illustre".

1972 Design e ricerche visive, Istituto Italiano di Cultura, Copenhagen e Stoccolma

1972 Galleria della Steccata, Parma

1972 [marzo] Galleria La Chiocciola, Padova

1972 [16 settembre] Galleria del Cavallino, Venezia
Catalogo con testo di E.L. Francalanci

1973 Galleria Nuova Dimensione, Pescara

1973 Galleria Zen , Milano

1973 [febbraio] Scritture illeggibili, Galleria Sincron, Brescia
l'uomo comunica / con i suoi simili / per mezzo dell'alfabeto / o degli ideogrammi / con queste scritte / gli uomini si scambiano i pensieri / ma milioni di persone / non leggono messaggi di pace / scritti in tibetano / popoli sconosciuti / scrivono poesie nelle loro scritture / chi le può leggere? / abituiamoci a conoscere / le scritture dei popoli sconosciuti / scritture sinistrorse destrorse verticali / su pelle su carta su legno su pietra / sui fogli dei computers / popoli sconosciuti / vivono vicino a noi / vogliamo conoscere / i loro pensieri
Guarda il manifesto della mostra
Le prime realizzazioni di scritture illeggibili di popoli sconosciuti sono del 1947.

1973 Galleria L'Incontro, Ostiglia

1973 [novembre] Galerija Suvremene Umjetnosti, Zagabria
Guarda il catalogo

1974 [gennaio] Creatività infantile al momento, Galleria Blu, Milano
Munari coordina un laboratorio per l'educazione visiva e la produzione di immagini per bambini dai 3 a 8 anni. Era una prova del metodo.

1974 [marzo] Bruno Munari: Design, Galleria Studentski Kulturni Centar, Belgrado

1974 [maggio] Curva di Peano, Galleria Sincron, Brescia
Munari presenta per la prima volta al pubblico il ciclo di lavori Curve di Peano. Esistono però due opere anticipatorie del 1968 e del 1969 dal titolo Variazioni tematiche su una Curva di Peano esposte alla Galleria Sincron.
Il famoso matematico Giuseppe Peano (1852-1932) per dimostrare visivamente che possono esistere linee curve senza tangenti, ideò una linea curva simile al filo che forma una maglia, ma così fitta da riempire completamente tutta l'area di un quadrato. Il risultato fu un quadrato tutto nero. Nella delimitazione di confine tra le zone di colore di questa mia composizione, è visibile la linea famosa. La mia proposta, assolutamente superflua alla speculazione matematica, ma curiosa sotto l'aspetto estetico, sta nel porre determinati colori nelle zone delimitate dalla linea.
[dal cartoncino di presentazione della mostra]

1975 [giugno] Galleria Cadaques, Cadaques
Scritture illeggibili di popoli sconosciuti

1975 Galleria A, Parma

1975 [novembre] Galleria Sincron, Brescia
Guarda l'invito della mostra

1975 [novembre-dicembre] Studio UXA, Novara
Scritture illeggibili di popoli sconosciuti

1976 Scritture illeggibili di popoli sconosciuti, Galleria mercato del Sale, Milano
Scritto di U. Carrega, Dal Paese di Serendip

1976 Studio UXA, Novara

1976 Centro del Portello, Genova

1976 [novembre] Xerografie a colori, Galleria Sincron, Brescia
Vengono presentate al pubblico per la prima volta le xerografie originali a colori.
La copiatrice a colori moltiplica le possibilità di sperimentazione e quindi anche la realizzazione di nuovi messaggi per la comunicazione visiva. Il procedimento tecnico della copiatrice a colori è uguale al procedimento della copiatrice in nero, solo che invece di avere un unico colore: il toner nero, ha tre toner corrispondenti ai tre colori di base della stampa: il giallo limone, il rosso magenta, il blu cianino.
[da Xerografie originali, Bruno Munari, Bologna 1977, Zanichelli Ed.]

1977 Officina, Trapani (*)

1977 Galleria Il Brandale, Savona

1977 [aprile] Galleria Sincron (con Mario Ballocco), Brescia

1978 Galleria 8 + 1, Mestre

1978 Galleria del Portello, Genova

1978 [ottobre] Bruno Munari: dalle macchine inutili alle strutture articolabili e alle nuove ludopedagogie della comunicazione visiva, Galleria Arte Struktura, Milano
Catalogo Arte Struktura. Presentazione di C. Belloli con uno scritto di Bruno Munari: Funzione del laboratorio "giocare con l'arte" nel museo.

1978 Presenza degli antenati, Galleria Studio F22, Palazzolo sull'Oglio

1979 [giugno] Centro Studio e Archivio della Comunicazione, Salone delle Scuderie in Pilotta, Università di Parma
Mostra antologica. Catalogo con interventi di A. Quintavalle, G. C. Argan, A. Mendini.

1980 [aprile] Cartella Serigrafica Storica, Galleria Sincron, Brescia

1980 [maggio] Olio su tela, Galleria Sincron, Brescia
Vengono presentate per la prima volta al pubblico: opere concettuali, sperimentali e ironiche allo stesso tempo. Dopo tanti giochini ecco (finalmente!) veri olii su tela. Segni fatti con olii diversi su tele grezze: olio di lino su tela di lino, olio di foca su garza, olio di arachidi su tela di jeans, olio di teak su canapa, mobiloil su tela smeriglio [...]

1980 [ottobre] Olio su tela, Galleria Apollinaire, Milano

1980 Prelibri, Danese, Milano

1980 [novembre] Servizi Culturali Olivetti, Ivrea

1981 Sculture da viaggio, Danese, Milano

1981 Colombo Interiors, Villanuova sul Clisi (Brescia) (*)

1981 [ottobre] Filipesi, Galleria Sincron, Brescia
Per la prima volta vengono esposti i filipesi oltre che una serie di disegni preparatori o progettuali.
Dalle macchine inutili appese la cui forma è modificata dal movimento aereo si passa a strutture aeree che devono la loro forma principalmente alla forza di gravità. In alluminio anodizzato e fili di cotone di vario colore.

1982 Centro Culturale Magazzino dei Fiori, Genova (*)

1982 Studio AM, Roma (*)

1982 Galleria Nomen

1983 [febbraio] Macchina inutile 1934-83, Galleria Plura
Viene presentata la riedizione in 99 esemplari della macchina inutile del 1934.

1983 [maggio] Prove d'autore, Galleria Sincron, Brescia
Viene presentato un nuovo ciclo di opere denominate prove d'autore: opere uniche realizzate con la tecnica del collage e l'utilizzo di tagli di tessuti di produzione unica, ottenuti con lo sgocciolamento casuale di acidi (tessuti La regola e il caso, produzione Assia, 1981).

1983 Ricostruzioni teoriche di oggetti immaginari, Galleria F.22, Palazzolo (Brescia)

1984 [settembre] Museo de Arte Moderno Fundaciòn Soto, Ciudad Bolivar
Catalogo con interventi di G. Alviani e G. Carnevale

Settembre 1984 - Settembre 1985
L'anno Munari in Venezuela
Mostra itinerante attraverso i più importanti centri culturali del paese:
- Galerìa Municipal, Puerto la Cruz
- Centro de Bellas Artes, Maracaibo
- Ateneo de Valencia, Valencia
- Casa de la Cultura, Maracay
- Museo de Barquisimeto, Barquisimeto
- Museo de los Niños y Museo de Bellas Artes, Caracas

1984 [ottobre] Mostra e Laboratorio Spazio tattile, Studio d'Arte Nadia Bassanese, Trieste

1984 [novembre] Spazio Tattile, Galleria Corraini, Mantova

1985 Spazio Tattile, La casa oggi, Cesena (*)

1985 Bruno Munari Artista e Designer, Civitanove Marche

1985 Multipli, Galleria Danese, Parigi

1985 [ottobre] Da lontano era un'isola, Museo di Storia Naturale, Milano

1985 [novembre] Realizzazione integrale di tutti i laboratori per l'infanzia, Kodomo no shiro, Tokyo
Munari realizza i laboratori per l'infanzia presso Il Castello dei Bambini a Tokyo: un grattacielo di 13 piani con laboratori di ogni tipo interamente dedicati ai bambini.
Un paese civile decide di occuparsi del futuro del suo popolo: e i bambini sono il futuro. La qualità della vita dipende da come questi bambini sono stati educati. Risolvere i problemi alla base è una delle principali regole della cultura giapponese. Provare per credere, fare per capire. Imparare da tutti.
[Bruno Munari]

1986 [marzo] Munari dalla a alla zeta. Opere dal 1935 al 1986, Galleria Sincron, Brescia
In anticipo rispetto alla grande retrospettiva di Palazzo Reale, una mini-antologica curata nell'allestimento dall'artista stesso.

1986 Olio su tela, sala personale alla XLIII Biennale di Venezia
Esposti:
olio di lino su lino, 1980 160x195
olio di teak su canapa, 1980 330x100
olio di arachidi su jeans, 1980 140x70
olio di piede di bue su batista, 1980 120x75
olio di balena su cotone su lino, 1986 165x110
olio di noce su juta su lino, 1986 140x80
mobiloil su smeriglio su juta, 1986 300x105
tecnica mista su juta, 1986 95x250
olio di lino su lino n.2, 1986 350x160
prove d'autore 1, 1980 oli diversi su tele diverse, 80x80
prove d'autore 2, 1980 oli diversi su tele diverse, 80x80


1986 [novembre] Progetti e Oggetti, Studio UXA, Novara

1986 Negativi-positivi, Galleria F.22, Palazzolo (Brescia) (*)

1986 Negativi-positivi, Accademia dei Concordi, Rovigo
Catalogo con testo di Flaminio Gualdoni

1986 [dicembre] Mostra Antologica Bruno Munari Palazzo Reale, Milano
La città di Milano dedica a Munari 16 sale di Palazzo Reale. Catalogo a cura di M. Meneguzzo, Electa Ed.
Un giorno dell'anno scorso, viene a trovarmi Enrico Baj e mi dice: insomma caro Bruno non è giusto che tu, alla tua età, non abbia ancora un riconoscimento ufficiale in Italia e particolarmente dove vivi e hai sempre lavorato. Io voglio proporre al Comune di Milano di farti una grande mostra di tutto quello che hai fatto finora. [...] Il progetto è stato approvato ed è così che devo all'amico Enrico Baj se oggi la gente può venire a curiosare tra i miei lavori...
[dal catalogo]

1987 [ottobre] Galleria Sincron, Brescia

1987 Galleria Vismara, Milano

1987 Il merlo ha perso il becco, Galleria Danese, Milano

1988 Studio UXA e Comune di Novara

1988 [maggio] Bruno Munari, Galleria Comunale d'Arte Leonardo da Vinci, Cesenatico
Catalogo con scritti di Giorgio Villa e Marco Meneguzzo

1988 Sculture nella città, Cesenatico

1988 Mostra Antologica a Villa Laura, Cernenglos (Udine)
Catalogo della mostra con interventi di Giulio Carlo Argan e Bruno Munari

1988 [ottobre] Xerografie originale, Galleria Sincron, Brescia

1988 Bruno Munari. Works 1933-1988, Museo di Gerusalemme

1989 [ottobre] Munari scultore, Montichiari (Brescia)
In mostra grandi sculture in acciaio corten derivate dalle sculture da viaggio.

1989 Bruno Munari, Museo Internazionale delle ceramiche, Faenza

1989 Modelli di sculture da viaggio, Galleria Sirrah, Milano (*)

1989 Università degli Studi, Trento
Munari a Trento, 7/8 marzo 1989, nell'ambito del corso di Museografia, Università degli Studi di Trento. Viene pubblicato un quaderno di materiali di e su Munari.

1989 Palazzo Municipale, Cernusco sul Naviglio (Milano) (*)

1989 [novembre] Mostra Collettiva di Bruno Munari, Museo di Sant'Agostino e Nuova Facoltà di Architettura, Università di Genova
Il 13 dicembre viene conferita a Munari la Laurea Honoris Causa dall'Università degli Studi di Genova. Conferenza Metodologia progettuale e Laboratori per tutte le età.

1990 [febbraio - marzo] Galleria Valente Arte Contemporanea, Finale Ligure (Savona)
Catalogo a cura di A. Veca. Opere: Negativi-positivi, Sculture da viaggio e Curve di Peano.

1990 Giochi e grafica, Castello di Soncino (Cremona)
Catalogo con un racconto di Bruno Munari.

1990 Mostra antologica, Saletta Rossa di Torino

1990 Tema e variazioni, Galleria Atrio, Como

1990 [giugno] Grandi sculture nella città e Disegni e progetti, Studio Morra, Napoli
Installazione sul lungomare di 7 grandi sculture, derivate da quelle da viaggio, realizzate in lastre d'acciaio corten che ossidandosi in superficie acquistano un bel colore bruno.

1990 [ottobre] Tensione e compressione, Galleria Sincron, Brescia
Vengono proposte delle nuove sculture-strutture,per metà organiche per metà programmate, veri esempi di arte povera, segni illeggibili di grande poesia. Accompagnano ciascuna opera brevi citazioni poetiche: Le piante sono i veri abitanti del pianeta, più numerosi, più semplici, più adattabili all'ambiente, noi non potremmo vivere senza le piante. Loro si.
Dal cartoncino della mostra: Due opposti stanno assieme e creano un corpo solido. La tensione si rivela nelle linee rette la compressione nelle forme organiche. Gli elementi organici non si toccano fra loro, gli elementi in tensione collegano il tutto. Natura e geometria. Negativi-positivi a tre dimensioni.
[Bruno Munari]

1991 [marzo] Alta tensione, un nuovo Munari, Galleria Vismara, Milano
In Catalogo vengono pubblicate le opere esposte qualche mese prima alla Galleria Sincron (foto di A. Ballo e G. Furla) ma non riproposte nella mostra milanese, dove invece vengono esposte nuove realizzazioni. Il catalogo presenta un racconto poetico di Bruno Munari firmato a Monte Olimpino (CC, si intente sulla cima della collina) il 11 agosto 1990.
[...] Vicino a Chiasso nel silenzio estivo dei boschi di Cardina sulla cima della collina di Monte Olimpino si possono trovare rami secchi [...] Per lungo tempo li osserverò senza toccarli. Poi proverò a fare qualche accostamento con pezzi di rami dello stesso albero o con pezzi di alberi diversi. Devono poter stare assieme senza toccarsi appoggiandosi ai fili di tensione. I fili saranno bianchi di cotone o lino grezzo niente interventi di colore. L'insieme dei fili in tensione mostrerà la natura geometrica dei rapporti di forza le parti in compressione si comporteranno con molta naturalezza quasi con indifferenza. Nasce così un corpo unico solido formato da due forze opposte dove gli elementi in compressione stanno solidamente assieme senza toccarsi tra loro.
[Bruno Munari]

1991 Strutture continue, Centro Domus, Milano

1991 [aprile] Invece del campanello, Danese, Milano
Nel negozio vengono installate delle porte tutte dotate di un campanello fantasioso con cui battere, picchiettare, suonare.

1991 Bruno Munari Artista e designer, Galleria Corraini, Mantova

1991 Bruno Munari, Centro Polifunzionale G. Arpino, Bra

1991 [ottobre] Personale (con Jiri Kolar), Galleria Sincron, Brescia

1992 [marzo] Galleria Stazionedellarte, Novara
Catalogo a cura di Elena Pontiggia

1992 Xerografie originali, Albisola Marina

1992 Galleria Spatia, Bolzano

1992 [dicembre] Alta Tensione, Biblioteca Comunale di S. Ilario d’Enza.

1993 Palazzo della provincia, Sondrio
Conferenza di M. Meneguzzo. Laboratori perbambini con Beba Restelli.

1994 [febbraio] Alberi, Galleria Corraini, Mantova
Munari presenta al pubblico un nuovo ciclo di opere.
Fra gli ideogrammi cinesi e giapponesi c'è un segno che significa albero. L'ideogramma vale per tutti gli alberi. Per l'albero dritto come il cipresso, per quello contorto come la sophora japonica piangente [...]
[Bruno Munari, dalla presentazione]
Queste opere sono definibili come ideogrammi-materici, l'albero diventa segno in una perfetta sintesi tra significato e segno (ideogramma appunto). Le opere in mostra sono datate 1993.

1994 [aprile] Bruno Munari Zone inesplorate
Opere dal 1933 al 1994, Studio UXA, Novara

1994 [ottobre] Adulti e bambini in zone inesplorate, Società Umanitaria, Milano
Mostra antologica. Viene anche organizzata, presente l'artista, una giornata convegno per festeggiare gli 87 anni dell'artista con interventi degli amici e collaboratori.

1994 Variazioni sulle Curve di Peano, Galleria F.22, Palazzolo (Brescia)

1994 Ricostruzioni teoriche di oggetti immaginari, Galleria Peccolo, Livorno

1995 Museum für Gestaltung, Zurigo
Catalogo a cura di C. Lichtenstein, A. W. Haberli, Far vedere l'aria, Zurigo, Verlag Lars Muller.

1995 Palazzo delle esposizioni, Città di Cantù

1995 Segni, scritture, visi, Loft Art Tacchella, Alessandria

1995 100 ore con Bruno Munari, Villa Litta Borromeo Visconti, Lainate (Milano)
Festeggiamento degli 88 anni di Bruno Munari.

1996 Ricostruzione teorica di un artista: Bruno Munari nelle collezioni Vodoz-Danese, Milano

1996 [novembre] Ritratti e autoritratti, Galleria Sincron. Brescia
Vengono presentati autoritratti e ritratti di amici collezionisti, oltre che della moglie Dilma, realizzati con la tecnica della xerocopia originale. Sono esposte anche alcune prove di realizzazione. Molti ritratti sono pubblicati sul libro fuori commercio Amici della sincron, Galleria Sincron, 1991

1996 Opere 1930-1995, Galleria Fumagalli, Bergamo
Catalogo a cura di Marco Meneguzzo

1996 [dicembre] Bruno Munari. Mostra collettiva, Galleria Gagliardi, San Giminiano

1997 Bruno Munari Instalace, Museo d'Arte Moderna Galleria Klatovy, Klenova (Repubblica Ceca)
Per l'occasione viene realizzata nuovamente la Fontana per cinque gocce d'acqua

1997 Bruno Munari Instalace, Dum Umeni (Kunsthalle), Brno (Repubblica Ceca)

1997 [febbraio] Mostra Laboratorio, Scuderie del Castello di Miramare, Trieste

1997 [ottobre] Primo Omaggio a Bruno Munari, Galleria Sincron. Brescia

1998 Bruno Munari Instalace, Palazzo Koniarek, Museo d'Arte Moderna, Trnava (Repubblica Slovacca)

1998 Bruno Munari, Galeria Stara, Lubin, Polonia
Catalogo e mostra a cura di G. Alviani e J. Barczynska

1998 [maggio] Macchine inutili, Negativi positivi, Studio D'Arte Contemporanea Dabbeni, Lugano (Ch)

1998 [maggio-giugno] Mostra collettiva di Bruno Munari, Civica galleria d'Arte Moderna, Comune di Gallarate (Varese)

1998 Bruno Munari, Giardino di Palazzo Cisterna, Torino
Catalogo della mostra con un saggio di A. Mistrangelo


(*) mostra da verificare



   
 
Principali collettive

 


1927 Mostra di 34 futuristi, Galleria Pesaro, Milano

1928 Mostra d'Arte Futurista, Teatro Scientifico, Mantova

1929 Mostra d'Arte Futurista. Gruppo Radiofuturista lombardo, Biblioteca Civica, Varese

1929 Trentatre pittori futuristi, Galleria Pesaro, Milano

1929 Peintres futuristes italiens, Galerie 23, Parigi

1930 Futuristi italiani, XVII Biennale di Venezia

1930 Mostra futurista architetto Arch. Sant'Elia e 23 pittori futuristi, Galleria Pesaro, Milano

1931 I Quadriennale di Roma

1931 Mostra futurista di aeropittura e scenografia, Galleria Pesaro, Milano

1931 Mostra futurista di pittura, scultura e arte decorativa, Chiavari

1932 Prampolini et les aeropeitres futuristes italiens, Galerie de la Reinassance, Parigi

1932 Mostra dell'aeropittura e della pittura dei futuristi italiani, XVIII Biennale di Venezia

1932 Mostra di aeropittura futurista, Galleria Pesaro, Milano

1933 V Triennale di Milano

1933 Mostra futurista in omaggio a Umberto Boccioni, Galleria Pesaro, Milano

1933 Esposizione del cartello nazionale e internazionale rifiutato, Galleria del Milione, Milano

1933 Mostra di fotografia futurista, Roma

1934 Ausstellung Italienische Futuristische, Kunstverein, Amburgo

1934 Scelta di futuristi venticinquenni. Omaggio dei futuristi venticinquenni al venticinquennio del futurismo, Galleria Tre Arti, Milano

1934 Mostra futurista italiana di aeropittura, Galleria Lutzowufer, Berlino

1934 Les aeropeintres futuristes italiens, Hotel Negresco, Nizza

1934 XIX Biennale di Venezia

1934 Mostra dell'aeronautica, Milano

1935 Italianische Futuristische Luft und Flugmalerei, Neuen Galerie, Vienna

1936 VI Triennale di Milano

1936 Pittura, XX Biennale di Venezia

1937 Grafica fotografica di Munari, Ricas, Veronesi, Xanti Schawinsky, Persico, Galleria Milione, Milano

1938 Gli aeropittori futuristi, Galleria Il Milione, Milano

1938 Oltre il Novecento, Galleria Dedalo, Milano

1940 VII Triennale di Milano

1945 Collettiva: Borra, Munari, Radice, Reggiani, Rho, Soldati, Veronesi, Galleria Bergamini, Milano

1946 Mostra degli astrattisti: Kandinsky, Dorfles, Huber, Munari, Radice, Reggiani, Soldati, Galleria Ciliberti, Milano

1947 Mostra internazionale di arte astratta e concreta, Palazzo Reale, Milano

1947 Réalités Nouvelles 1947 n. 1, Salon des Réalités Nouvelles, Parigi

1948 Prima cartella di arte concreta 12 stampe, Libreria Salto, Milano

1948 Rassegna Nazionale di Arti figurative [V Quadriennale], Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma

1948 Giocattoli d'artista, Galleria dell'Annunciata, Milano

1949 Circolo di Cultura, Lugano

1949 Mostra Internazionale Arte d'oggi, Palazzo Strozzi, Firenze

1949 Giocattoli d'artista, Galleria dell'Annunciata, Milano

1950 Collettiva: Dova, Vedova, Soldati, Deluigi, Leger, Mirò, Munari, Salvatore, Galleria del Cavallino, Venezia

1950 Pitture astratte e concrete, Galleria Naviglio, Milano

1950 Mostra di opere concrete di 7 artisti milanesi, Saletta del Grifo, Torino

1951 Arte Astratta e Concreta in Italia, Galleria Nazionale di Arte Moderna, Roma

1951 Mostra di Arte Concreta, Galleria Bergamini, Milano

1951 Prima mostra delle arti e dell'estetica industriale, XXX Fiera Campionaria Milano

1951 Réalités Nouvelles, Salon des Réalités Nouvelles, Parigi

1951 Gli artisti del MAC, Galleria Bompiani, Milano

1951 MAC Materie plastiche in forme concrete, Saletta dell'Elicottero Bar dell'Annunciata, Milano

1952 Collettiva MAC, Galleria Annunciata e Saletta dell'Elicottero, Milano

1952 MAC Studi per forme concrete nell'industria motociclistica, Saletta dell'Elicottero, Bar dell'Annunciata, Milano

1952 XXVI Biennale di Venezia

1953 Mostra di arte concreta, Galleria San Matteo, Genova

1953 Movimento Arte Concreta, Valparaiso, Santiago del Cile, Vina del Mar

1953 Mostra del MAC, Amigos del Arte, Santa Fè

1953 Arte astratta italiana e francese, Galleria San Fedele, Milano

1953 Recent Acquisitions 1946-1953 Department of Architecture and Design, MoMA, New York

1954 Colore per le carrozzerie d'auto, Salone dell'automobile, Torino

1955 Le arti plastiche e la civiltà meccanica, Galleria d'Arte Moderna, Roma

1955 MAC/Espace Esperimenti di sintesi delle arti, Galleria del Fiore, Milano

1955 Quadri non più quadri, Galleria Montenapoleone, Milano

1955 Arte astratta, Art Club, Roma

1955 Arte e pubblicità, Galleria Montenapoleone, Milano

1957 Collettiva: Baj Dangelo Fontana Manzoni Munari Pomodoro ed altri, Galerie 17, Monaco di Baviera

1957 Source of Inspiration, New York

1957 Prima rassegna nazionale di arte concreta MAC/Espace, Galleria Schettini, Milano

1957 Le collezioni di Munari e Fontana, Galleria Blu, Milano

1957 Colori e forme nella casa d'oggi, Villa Olmo, Como

1957 Ricostruzioni, metamorfosi, concetti, commentari, Galleria Blu, Milano

1957 Mostra della grafica, XI Triennale, Milano

1959 Motion in Vision - Vision in Motion, Hessenhuis, Anversa

1959 Multiplication d'Art Tranformable, Galleria Edouard Loeb, Parigi

1960 Miriorama 1, Galleria Pater, Milano

1960 Kinetische Kunst, Kunstgewerbemuseum, Zurich

1960 Multiplizierte Kunstwerke, die sich bewegen oder bewegen lassen, Kaiser Wilhelm Museum, Krefeld

1960 Edizioni Mat - Opere d'arte animate e moltiplicate, Galleria Danese, Milano

1960 Dalla natura all'arte, Palazzo Grassi, Venezia

1961 L'oggetto nella pittura, Galleria Schwarz, Milano

1961 Bewogen Beweging, Stedelijk Museum, Amsterdam

1961 Rörelse i konsten [Movement in Art], Moderna Museet, Stoccolma

1961 Bevaegelse i Kunsten, Louisiana Museum, Humlebaek

1962 Arte Programmata, Olivetti, Milano

1963 Oltre l'informale, IV Biennale internazionale d'arte, San Marino

1964 Kinetic Art, Loeb-Student Center, New York

1964 XV Premio Avezzano Strutture di Visione, Palazzo Torlonia, Avezzano

1964 Documenta 3, Neue Galerie, Museum Fridericianum, Orangerie im Auepark, Kassel

1964 Art in Motion, Royal College of Arts, London

1965 Nova tendencija 3, Art Museum, Zagreb

1965 Licht und Bewegung. Kinetische Kunst, Kunsthalle, Berna

1965 Lumiere, mouvement et optique, Palais des Beaux-Arts de Bruxelles, Bruxelles

1965 Licht und bewegung, Staatliche Kunsthalle, Baden-Baden

1965 Perpetuum Mobile, Galleria Obelisco, Roma

1966 Licht und bewegung – Kinetische Kunst, Kunsthalle Grabbeplatz, Dusseldorf

1966 Greetings!, The Museum of Modern Art, New York

1966 Cinquant'anni a Dada. Dada in Italia 1916-1966, Civica Galleria d'Arte Contemporanea, Milano

1966 Luce polarizzata, XXXIII Biennale di Venezia

1966 The object transformed, The Museum of Modern Art, New York

1966 Ontwerp en productie. Voorwerpen van Angelo Mangiarotti, Enzo Mari, Bruno Munari. Produktie B. Danese, Stedelijk Museum, Amsterdam

1966 Kunst-Licht-Kunst, Stedelijk van Abbemuseum, Eindhoven

1967 Arte Modena in Italia 1915-1935, Palazzo Strozzi, Firenze

1967 Light and Motion Space, Walker Art Center, Minneapolis, Worcester Art Museum, Worcester Massachusetts

1968 Quindici maestri dell'astrattismo, Galleria Vismara, Milano

1968 Arte Moltiplicata dal 1945, Kunsthalle, Köln

1968 Documenta4, Kassel

1968 Linee della ricerca contemporanea, XXXIV Biennale di Venezia

1968 The Machine As Seen At The End Of The Mechanical Age, The Museum of Modern Art, New York

1969 5 Italiener: Bonalumi, Ceroli, Manzoni, Munari, Pistoletto, Badischer Kunstverein, Karlruhe

1969 Aspetti del primo astrattismo italiano 1930-1940, Galleria Civica d'Arte Moderna, Monza

1969 Nuovi materiali nuove tecniche, Caorle, Venezia

1969 Al di là della pittura, Palazzo Scolastico Gabrielli, San Benedetto del Tronto

1969 Undici giorni di arte collettiva, Pejo

1969 Campo urbano. Interventi estetici nella dimensione collettiva urbana, Como

1970 Proposte per una Esposizione Sperimentale: Analisi del vedere, XXXV Biennale di Venezia

1970 Kinetics, Hayward Gallery, Londra

1970  New Multiple Art, Whitechapel Art Gallery, Londra

1971 The Non-Objective World 1924-39, Galerie Jean Chauvelin, Parigi - Annely Juda Fine Art London - Galleria Milano Milano

1971 Multiples The first decade, Philadelphia Museum of Art

1971 Arte italiana, Istituto italiano di cultura, Montevideo

1972 X Quadriennale Nazionale d'Arte, Roma

1972 Il libro come luogo di ricerca, XXXVI Biennale di Venezia

1972 The non-objective world 1939-1955, Annely Juda Fine Art, Londra

1972 The New Domestic Landscape, MoMA, New York

1973 Suvreme Umietnosti, Zagabria

1973 X Quadriennale Nazionale d'Arte. Situazione dell'Arte non figurativa, Palazzo delle Esposizioni, Roma

1973 Galleria Studentski Kulturni Centar/IDC, Belgrado

1973 Galleria Radnicki Universitet, Novi Sad

1974 De Mathematica, Galleria Obelisco, Roma

1975 Galleria Arti Visive, Parma

1975 Progetto – Struttura. Metodologia del design, Museo Progressivo d'Arte Contemporanea, Livorno

1975 Museo d'Arte Moderna, Bologna

1977 Arte in Italia 1960-1977, Galleria civica d'arte moderna, Torino

1978 La spirale dei nuovi strumenti, Biennale della Grafica d'Arte, Firenze – Prato

1979 Electroworks, International Museum of Photography, George Eastman House, Rochester, New York, Chicago, Los Angeles, San Francisco, Houston, Toronto.

1980 Patchwork in Italia, Studio Marconi, Milano

1980 Ricostruzione futurista dell'universo, Musei Civici, Torino

1981 Movimento Arte Concreta. Milano 1948-1952, Galleria Milano, Milano

1982 La ceramica futurista da Balla a Tullio d'Albisola, Sale di Villa Gavetti, Albisola Superiore

1982 Palazzo delle Esposizioni, Faenza

1982 Gli Anni Trenta, Palazzo Reale, Milano

1983 Arte programmata e cinetica 1953-1963. L'ultima avanguardia, Palazzo Reale, Milano

1984 Il Movimento Arte Concreta 1948-1958, Civica Galleria d'Arte Moderna, Gallarate

1985 Come nasce un libro?, Palazzo Valentini, Roma

1986 Arte e Scienza nell'età delle scienze esatte. Colore, Biennale di Venezia

1986 Futurismo e Futurismi, Palazzo Grassi, Venezia

1989 L'Europa dei razionalisti, Como

1989 Arte Italiana – 1900-1945, Palazzo Grassi, Venezia

1990 Italiens Moderne. Futurismus und Rationalismus, Museum Fridericianum, Kassel

1990 Vanguardia Italianad e entreguerras. Futurismo y Racionalismo, IVAM-Centre Julio Gonzales, Valencia

1992 The Artist and the Book in Twentieth Century Italy, The Museum of Modern Art, New York

1994 The Italian metamorphosis 1943-1968, Guggenheim Museum, New York

1995 A Century of Artists Books, Museum of Modern Art, New York

1997 Années 30 en Europe, Musée d'Art Moderne, Parigi

1997 Minimalia, PS1, New York

1997 Abstracta, Bolzano - Innsbruck - Trento



   
Fotografia di concavo-convesso 1947
Pieghevole per la personale di Munari presso la Howard Wise Gallery
New York 1966





Bruno Munari 1950-1987
negativo positivo
coll. priv.





Bruno Munari 1980
olio su tela
esposto alla Biennale di Venezia 1986
coll. priv.





Bruno Munari
xerografia originale
Karlsruhe 1969
coll. priv.





Bruno Munari
xerografia originale a colori
1977
coll. priv.




Bruno Munari
Curva di Peano (studio)
coll. priv.




Bruno Munari
Variazioni aleatorie nella curva di Peano 1968
coll. priv.







when you go to an art gallery you are simply a tourist looking at the trophy cabinet of a few millionaires - bansky
Last Modified: 25 May 2017 23:23:26